Stampa

Notiziario 2019 Dicembre

Notiziario N° 17 Dicembre 2019

 

L’Opera nel Mistero dell’Amore Sacerdotale di Gesù

 

 

La strada dell'Opera che il Signore ha scelto e tracciato vuole essere una voce nuova all'interno della Chiesa per riprodurre nei suoi membri il mistero dell'Incarnazione, morte e risurrezione di Gesù. La Provvidenza ha tracciato per ogni uomo una strada ed è percorrendola in un abbandono filiale che scopre una luce che lo guida giorno per giorno.

E' la volontà del Padre che scandisce il cammino dei suoi figli. Essere obbedienti ai precetti, agli inviti e ai consigli del Padre è trovare pace e serenità. Un figlio, talora, può sfuggire alle mani dei suoi genitori, ma i figli di Dio vengono portati con tenerezza

materna nel cuore del Padre. La vita è per tutti una strada da percorrere. In mano all'uomo viene dato solo l'attimo presente, perché non è più lui il proprietario del passato, ma la misericordia infinita del Padre. Il futuro è scritto sul cuore dell'amore

provvidente di Dio che avendo chiamato l'uomo alla vita, lo conduce pian piano, tenendolo sempre stretto a Sé. "Il Signore porta gli agnellini sul petto e conduce dolcemente le pecore madri" (Is 40,11)

Per Amalia e per me è stata tracciata una strada particolare, mettendo nelle nostre mani il carisma dell'Opera. Siamo stati chiamati a percorrerla per poter essere una luce di grazia per quanti camminano con noi, in particolare per chi ha accolto la vocazione alla Fraternità, segno di una vocazione nuova per alcuni consacrati. Per quanto riguarda il nostro carisma, l'essere umano-divino di Gesù si presenta a noi sotto una particolare sfaccettatura che è quella del suo sacerdozio.

A questo mistero, che mai potrà essere totalmente accolto e compreso, deve ispirarsi la vita dell'Opera dell'Amore Sacerdotale di Gesù.

Prima ancora di cercare le sue ricchezze insondabili noi le dobbiamo accogliere, pregare e contemplare, con quella forza di illustrazione che solo lo Spirito Santo ci potrà concedere.

I battezzati sono sacerdoti per la grazia del sacerdozio di Cristo che continuamente li aggancia all'onnipotenza del Padre, mentre ci rende premurosi nei riguardi dei nostri fratelli.

Durante la vita terrena di Gesù, l'umanità che gli era stata concessa da Maria, gli ha consentito di rendere visibile tutte le prerogative del Padre che possiamo contemplare in ogni parola del Vangelo: la pazienza, l'umiltà, l'obbedienza, la povertà, la carità, la tenerezza, la misericordia e altre mille doti hanno per confine l'infinito.

Per la nostra vocazione e in ordine alla nostra missione, queste doti le possiamo vedere tutte assommate nel grande mistero del sacerdozio di Cristo che trova la sua punta massima sul Calvario. L'Opera, nei suoi tre rami, è avvolta dal mistero dell'amore sacerdotale di Gesù; per questo ogni membro deve rendersi depositario di grazia perché tutti i membri godano della stessa ricchezza.

Coloro che fanno parte dell'Opera formino un corpo tra di loro per trovare in questa Famiglia spirituale i modi concreti per uno scambio di carità fraterna che va oltre i confini della Famiglia stessa. E' sempre l'unità la forza propulsiva per la crescita e la santità di ogni opera di Chiesa. Le distanze geografiche che ci separano non devono essere di ostacolo o di remora a questa unità. Se ci anima uno stesso Spirito, se un'unica carità ci lega tra di noi come fratelli, se lo stesso anelito di santità pe la vita della Chiesa ci tiene uniti, noi non possiamo dubitare di essere concordi anche nel cammino.

Il Signore ha affidato l'Opera a coloro che ha chiamato ad essere i primi responsabili, perché sia una via luminosa e si estenda nella Chiesa, ma anche gli altri componenti, tutti senza eccezione, sentano la responsabilità di vivere e diffondere questo carisma.

Un carisma, quando viene donato non si frantuma per passare nelle mani di tutti ma, nella sua santità e forza, si comunica tutto in ciascuno. Questa verità mette in fuga ogni invidia e tutte quelle povertà ad essa connesse. Ogni membro, quindi, può dire: "Il Signore mi ha donato una porzione del suo regno da portare avanti".

Le Fraternità, in particolare, devono brillare di una luce intensa di unità. Il loro fondamento sia sempre costituto da principi teologici, cristologici ed ecclesiali. Per questo, il modo di vivere delle Fraternità non è mai un traguardo raggiunto, ma un mistero da scoprire giorno per giorno. I tre rami dell'Opera siano fedeli nell' obbedienza allo Spirito di Gesù.

Per questo è necessario avere dei momenti forti, come le giornate di spiritualità, perché l'Opera, la cui essenza è data dalla luce dello Spirito, dia spazio a ogni membro per essere non solo ascoltatore, ma facitore del progetto di Dio.

Nei tre rami non c'è uno più importante dell'altro, ma tutti insieme, nella loro diversità, penetrano la profondità del sacerdozio di Cristo e ne esplicano la missione.

Il nostro carisma è delicato, ma prezioso, per questo va incarnato nella nostra vita. L'Opera diventi proprietà di ciascuno, perchè è proprietà di Dio.

Amalia e Don Gianfranco augurano a tutti un Santo Natale

 

 

Incontro a Verona 30-31 agosto - 1 settembre e...

 

Dal 30 agosto al 01 settembre 2019 la famiglia dell'Opera si è ritrovata a Verona.

Sono stati giorni vissuti nella condivisione e nell'accoglienza. Alla preghiera e ai momenti di formazione, guidati da Don Gianfranco ed Amalia, si sono alternate anche le

testimonianze di una Fraternità, di un'Animatrice e di alcune coppie di sposi che hanno raccontato come il Signore li abbia chiamati a far parte dell'Opera e come l'incontro con questa famiglia spirituale abbia cambiato la loro vita.

L'ascolto dei fratelli ha evidenziato che, pur nella diversità delle vocazioni e delle esperienze personali, viviamo un unico carisma che ci unisce e ci fa camminare insieme nonostante le distanze territoriali. In quei giorni non ci sono stati solo momenti di spiritualità e riflessione. Abbiamo assistito, infatti, alla rappresentazione della Traviata, nello splendido e magico scenario dell'Arena e visitato i luoghi più rappresentativi della città guidati dalla bravissima Francesca.

Naturalmente non è mancata la condivisione fraterna dei pasti, preparati con tanta cura dagli sposi veronesi per i fratelli provenienti dalle altre parti d'Italia.

Marianna ed Erasmo - Santeramo

 

 

 

Nella Fraternità siamo chiamati insieme, nella reciprocità alla chiamata del Signore, alla condivisione profonda della preghiera.

Ricchezza del dono della Fraternità è viverlo con altreFraternità.

 

 

 

 

 

"Non è bene che l'uomo stia solo, ma voglio fargli un aiuto che gli stia di fronte": da sacerdote dico che l'Opera mi ha fatto capire che questa Parola è per tutti e ha dato una risposta con un cammino ecclesiale.

 

 

Sentire di far parte di una famiglia è meraviglioso: grande è la ricchezza della famiglia composta da Fraternità, Sposi e Animatrici, davvero vasi comunicanti.

 

 

 

 

 

 

 

...Vite che hanno incontrato la famiglia dell’Opera

 

Mi sono resa conto nel tempo che l'Opera non è un cammino facile, ma molto esigente, perché non ti chiede di "fare", ma di "essere". Aderire a quest'Opera è un qualcosa che ti scombussola la vita, ma sappiamo che il Signore ci precede e ci assiste.

 

 

 

 

 

 

Il sorriso dei fratelli dell'Opera non è solo un sorriso con la bocca, ma anche con gli occhi e con il cuore.

Quello che ho percepito sin dal primo istante è stato vivere l'umanità di Gesù negli altri membri dell'Opera. Come dice Amalia: "non ci sono tempi per il Signore".

 

Ho sempre sentito la Madonna vicina nella mia vita.

 

Ringrazio tutti perché nei momenti in cui mi sentivo sola, nelle difficoltà e nel dolore, ho sentito forte la presenza del Signore e la forza della preghiera dei fratelli dell'Opera: una vera e propria esperienza di Gesù e dell'amore fraterno fra noi. Il cammino è lungo, ma quando ci giriamo indietro io e mio marito vediamo quali "grandi meraviglie ha compiuto il Signore nella nostra vita!".

 

L'Animatrice non fa cose diverse, ma fa le medesime cose in modo nuovo.

L'incontro con l'Opera ci ha aiutato nella preghiera: l'invocazione allo Spirito Santo è vera forza che entra nella coppia.

 Ogni gruppo è una piccola famiglia nella grande famiglia dell'Opera.

 

L'Opera ha cambiato la mia vita, all'inizio aiutandomi a pregare insieme a mio marito.

 

 

 

 

Ho capito che l’amore e l’aiuto ai sacerdoti è un servizio che si fa a tutta la Chiesa.

 

 

 

 

 

Il mio “SI” al Signore come Animatrice nell’OAS

 

Il 2 dicembre 2019 è stato il giorno del mio “SI” al Signore, ho risposto alla sua chiamata offrendo la mia vita a Gesù sacerdote, per sostenere la comunità cristiana affiancando il ministero sacerdotale. C’è una parola, in modo particolare, che ha accompagnato il mio cammino fino alla consapevolezza del mio si “non chiunque dice Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio” (Mt. 7, 21): facendo la volontà di Dio, infatti, il Signore risponde al nostro amore con il suo amore. Con la mia consacrazione mi impegno ad adempiere alla volontà del Padre e a camminare secondo i progetti della volontà di salvezza per il bene dei sacerdoti. Quel giorno lo porto impresso nel mio cuore, mi sono sentita amata come non mai dal mio Signore ed ero accerchiata dall’affetto della mia comunità e della mia famiglia. In modo particolare ho sentito la vicinanza spirituale di don Gianfranco che mi ha accompagnata in questi anni, Amalia che era presente con la sua preghiera e don Polydore che mi ha aiutata nella mia crescita spirituale e mi ha sostenuta e confortata nei miei momenti difficili.

Arianna Di Matteo (Napoli)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ASSISI 2020

Giornate di Spiritualità: 12 - 17 Luglio 2020 Oasi del Sacro Cuore - S. Damiano

VII Convegno Nazionale: 26 - 27 Settembre 2020 Domus Pacis - S. Maria degli Angeli

 

Appuntamenti Fraternità, Animatrici e Sposi

 31/12/19: S. Messa e Te Deum di Ringraziamento a Verona.

2 - 4/1/20: Incontro Fraternità a Siena.

9/2/20: Incontro responsabili Gruppi Sposi a Mola di Bari.

20/3/20: Assemblea dell’Opera a Verona.

24/5/20: Incontro Gruppi Sposi di Napoli.

7/6/20: Incontro Gruppi Sposi di Verona e della Puglia.

12-17/7/20: Giornate di Spiritualità dell’Opera ad Assisi.

26-27/9/20: VII Convegno Nazionale dell’Opera ad Assisi.

 

 

 

Opera dell’Amore Sacerdotale - Via Corno d’Aquilio, 1 - 37124 Verona  www.operamoresacerdotale.org

Per invio articoli: Michele Ongarelli - Tel. 045 914895 - e.mail:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gruppo redazionale: Roberta Bugli, Enza Guidorizzi, Roberta Zampieri, Teresa Tumbarello, Michele Ongarelli, Giancarlo Rinco.

La presente pubblicazione non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene pubblicata senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.20017, 21)